Travel Concept Store

È una storia d’amore, professionalità e passione ventennale: quando entri nella nostra agenzia trovi ad accoglierti esperte agenti di viaggio, pronte a guidarti con cura verso la tua destinazione da sogno.

Seguici su
TOP
Image Alt

No alla quarantena al rientro in Italia per 31 Paesi

illustrazione, uomo con mascherina, in casa, quarantena

No alla quarantena al rientro in Italia per 31 Paesi

Il ministro della Salute Roberto Speranza, con l’ordinanza del 28 agosto scorso, apre l’Italia a 31 Paesi dell’elenco D, (extra Schengen); per i viaggiatori italiani sarà ora possibile rientrare da questi Paesi senza l’obbligo di quarantena.

Ecco l’elenco:

Albania, Arabia Saudita, Armenia, Australia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Canada, Emirati Arabi Uniti, Giappone, Giordania, Libano, Kosovo, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Qatar, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale, basi britanniche nell’isola di Cipro, Repubblica di Corea, Repubblica di Macedonia del Nord, Serbia, Singapore, Stati Uniti d’America, Ucraina, Taiwan, Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao.

Non è detto però che le porte per i turisti italiani siano aperte in tutti questi Stati, è sempre meglio verificare sui siti delle singole autorità competenti.

Cosa serve per entrare in Italia?

Fino al 25 ottobre chi rientra in Italia da Paesi dell’elenco D dovrà presentare un certificato Covid digitale valido e il Passenger Locator Form compilato (a proposito di PLF, leggi il nostro ultimo articolo).

Cosa cambia per le tratte nazionali?

L’Italia rimane in zona bianca, ad eccezione della Sicilia che è passata in zona gialla. Il 30 agosto è uscita un’ordinanza incentrata sul rapporto tra contenimento della pandemia e trasporti pubblici. È possibile spostarsi senza limitazioni in tutta Italia, ma attenzione, dal 1 settembre serve il green pass per salire a bordo di:

– aerei
– treni intercity e alta velocità
– navi e traghetti
(esclusi i collegamenti nello Stretto di Messina)
autobus interregionali

Perché il green pass sia valido per il trasporto nazionale bisogna aver fatto almeno la prima dose di vaccino da 14 giorni, essere risultati negativi ad un test antigenico nelle 48 ore precedenti o essere guariti dal Covid-19.

L’ordinanza completa la trovate QUI.

You don't have permission to register